MADABA E IL MONTE NEBO




Madaba si trova in Giordania.
Una piccola cittadina a sud-ovest di Amman.
Per raggiungerla si percorre la strada dei Re, una via con più di 5000 anni sulle spalle. Ma non è l’unico motivo per cui vale la pena visitarla, di motivi per visitare un posto nuovo intriso di storia ce ne sono sempre. 
Il semplice vederla per la prima volta è un buon motivo.

Percorro una strada in pieno inverno, ma la temperatura è primaverile, i colori fuori dal finestrino sono quelli di sempre, tipici della terra Giordana: secchi, ocra, intervallati da case bianche monocolore. 
A tratti i paesaggi sono lunari, a tratti un gruppo di abitazioni mi riporta sulla terra.
Ma è piacevole, una calma inusuale mi trapassa e con la testa appoggiata al finestrino lascio scorrere le immagini come in un film muto, tutto è ovattato, il rumore l’ho chiuso fuori.
I miei occhi vedono.
Un cammello lungo la strada, un venditore di vasi, una persona seduta, chissà dove vaga il suo pensare.



Ad un tratto arrivo nella città…
Madaba è la citta dei Mosaici. Esattamente così denominata.
Durante la costruzione della chiesa di San Giorgio è stato scoperto un mosaico Bizantino chiamato  LA MAPPA DELLA TERRA SANTA.  Ricopre il pavimento, una sorta di cartina che raffigura l’itinerario per raggiungere Gerusalemme.
Indubbia la bellezza di questa opera, basti pensare che ci sono volute due milioni di tessere di pietra di un intenso colore, raffiguranti  villaggi, valli, fino al delta del Nilo.
La luce all'interno della chiesa è soffusa, candele posate su sabbia hanno la fiammella che si muove al passaggio delle persone, parole sussurrate sottovoce si mescolano al  sacro che si respira all'interno, anni di storia, di religione,  di passi di un pellegrino, o di un turista di passaggio. Passi che convergono ad una stessa meta.



Esterno.
Le vie della città pullulano di negozietti di artigianato locale, se si ha la fortuna e l’accortezza si riesce a scovare qualcosa di meno turistico, qualcosa che va oltre la calamita con il cammello. Monili di argento con pietre dure possono essere acquistati a buon prezzo, non senza contrattare ovviamente.

A pochi chilometri da Madaba sorge il Monte Nebo. Ricco di fascino religioso , il luogo più venerato di tutta la Giordania.
Anche se una persona non ci crede, anche se uno con la religione ci fa a botte,  essere in questo posto regala una suggestione senza pari. E’ storia, noi tutti facciamo parte di una storia, e questa che ha come protagonista Mosè non è da meno.
Su questo monte Mosè vide la Terra Promessa  che fu destinata al suo Popolo Eletto.
Su questo monte Mosè morì indicando la via al popolo d’Israele.

Simbolo di questo sito è una croce .
Simboleggia il serpente che Mosè sollevò nel deserto , e la crocefissione di Cristo.
Da qui sopra una vista memorabile prende il sopravvento. Lì in fondo attraverso la valle del Giordano, in una giornata particolarmente limpida si scorge Gerusalemme.









9 commenti:

  1. Confesso che la Giordania un pò mi spaventa - sarà ignorante .. lo so - però allo stesso tempo m'intriga tantissimo! Col tuo racconto mi rendi le cose più chiare :)
    Bellissima la prima foto!

    pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti deve spaventare, ti deve meravigliare! Ti confesso che ero un po' dubbiosa la prima volta che ci sono stata... e invece ci sono ritornata, e chissà magari ci ritornerò! Ci saranno altri post che la racconteranno, ti assicuro è magica, e ti richiama a sé! Ha così tanto da offrire...

      Elimina
    2. Non vedo l'ora di seguirti ancora nel tuo viaggio allora! :)
      Ciao Cri!

      Elimina
    3. Grazie infinite :-) A presto.
      Ciao Manuela

      Elimina
  2. sarò ignorante - volevo dire

    RispondiElimina
  3. Grazie per avermi portato in questo luogo così lontano ma allo stesso tempo affascinante! :)..l'Oriente ha sempre qualcosa di magico!

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto magico, da scoprire e riscoprire. Grazie a te, ti ci porterò ancora :-)!

      Elimina
  4. che bei posti, Cristina. davvero suggestivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si da vivere, e da assaporare. Ebbene si anche un luogo può emozionare...

      Elimina

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.