IN VIAGGIO VERSO #WELEVANTO




Ci sono persone che leggono senza immaginarsi i personaggi, senza dare loro un volto ben definito, senza fare troppa amicizia, perché poi il distacco è doloroso.
Ce ne sono altre invece che perfettamente hanno davanti a sé i lineamenti di Mr. Darcy e di Elisabeth...

Io fino a poco fa leggevo molti post di viaggiatori, senza immaginare un volto, senza avere una voce, senza sentirne l'accento. Leggevo con piacere, ma leggevo anche con estrema curiosità di capire e conoscere chi c'è dietro a quelle parole scritte con una passione tale da emozionare.

Io, in un certo qual modo, ho conosciuto i personaggi che hanno popolato le mie letture, che hanno alimentato la mia voglia di viaggio, che mi hanno aiutato in molti momenti, che mi hanno strappato sorrisi.
Perchè è così, ci si affeziona, anche se in realtà di loro sai poco, sai nulla. Sai che amano scrivere, che amano viaggiare, che se gli dici "domani partiamo?", prima ancora di finire la frase hanno la valigia già pronta.
Sono blogger, ma prima di tutto persone, che se ne fregano della distanza geografica, perché in fondo non esiste. Sono loro che fanno ore di treno e macchina, senza sapere a cosa vanno incontro, ma portano con se solo la voglia di conoscersi, di abbracciarsi per sentire che esistiamo che siamo veri, che non siamo solo un'icona sullo schermo di un pc, di un Tablet, di uno smartphone, che non ci nascondiamo dietro a foto, ma che realmente, noi siamo quello che scriviamo.

Un raduno di Blogger, per scoprire che un abbraccio, uno di quelli in carne ed ossa, un stretta di mano con gli occhi fissi negli occhi,  era in attesa da troppo tempo.

Il mio viaggio verso Levanto, dove ci siamo incontrati, inizia con un treno, preso in corsa, mentre da un cielo grigio la pioggia non smetteva di scendere, quando pensi che maggio è un bel mese per un week end in Liguria, mentre i capelli ti si appiccicano al viso rigato dall'acqua e i pantaloni da beige diventano marroni.
Ma il sorriso non manca, un viaggio se ne frega di queste cose, acqua, grandine, sole, vento...un viaggio ama gli imprevisti, sa che fanno parte di lui!
Ma non ho viaggiato sola. La prima persona, Liz, l'ho incontrata nel mio stesso scompartimento, di fronte a me, con un sorriso, e i sorrisi sono contagiosi, e fanno continuare il viaggio tra chiacchere, luoghi visitati e la voglia di conoscersi. Ci siamo lasciate prendere troppo dall'entusiasmo, tanto da non capire che la carrozza presa a Milano, che tanto assomigliava a quella di un treno diretto a Hogwarts, era in realtà di prima classe, in cui non dovevamo stare; e quindi, raccolti i bagagli, cappelli e fogli, ci siamo dirette a prendere posto, mentre il treno lento, che proprio in quel momento sembrava inclinarsi su sé stesso, ci faceva perdere l'equilibrio...
Immagini di un paesaggio sempre in movimento con il rumore delle rotaie a cullare il tempo mancante.
Poi il mare, oscurato da nuvoloni a salutarmi.
Ciao Liguria, ciao mare,
sto arrivando...


il racconto continua....

ringrazio Martina, Elena ed Enrico per l'organizzazione...

15 commenti:

  1. Grande Cri! Il collage mi piace tanto!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Federico! Mi piaceva l'idea di mettervi tutti...(anche se non si vedono tutti :P)!

      Elimina
  2. "Sono blogger, ma prima di tutto persone, che se ne fregano della distanza geografica"
    Quanto è vera questa frase!
    Mi hai cullato con questo post.
    Se la J.K.Rowling di WeLevanto :)
    Bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cara grazie!...quella frase mi è venuta dal cuore, perché è vera e pura...

      Elimina
  3. Risposte
    1. :) Grazie Enrico!!!! è stato un piacere scrivere...

      Elimina
  4. Sono emozioni molto simili a quelle che ho provato io... è incredibile vedere come abbiamo provato cose simili.

    p.s. mi mandi quella foto? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrick! emozioni palpabili, quasi quelle di una ragazzina alla sua prima gita scolastica. Non sono più una ragazzina, ma chi se ne frega, le emozioni vanno vissute e assaporate...e così è stato :)..sono felice della condivisione !!!
      La foto???...ora te la mando :)

      Elimina
  5. Sei proprio la mia Cri, quella delle storie come questa, la stessa che mi ha abbracciato senza timore e che ho stretto forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia...io mi sciolgo però adesso eh! è stato bello conoscerti, molto bello!

      Elimina
  6. Quanto sei dolce Cri! Non vedo l'ora di abbracciarti di nuovo!;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marika! ho un sorriso da qua a là! ...dai che forse forse passo per il Molise ...;)

      Elimina
  7. Nel collage (bellissimo me lo mandi?) manca quella foto meravigliosa che ti ho fatto io col cappellino ;-) Scherzo dai, spero davvero di riabbracciarvi presto tutte, queste tue righe mi hanno fatto venire un brivido :)

    RispondiElimina
  8. Martina mandamela che la aggiungo..(oddio hihihi)!
    Grazie di cuore ancora!!!!
    Ti spedisco la foto :)

    RispondiElimina
  9. Io sto aspettando il continuo... :P

    RispondiElimina

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.