PASSIONE NEI VIAGGI E NELLA VITA. TU CE LA METTI?




Voi quanta passione ci mettete in quello che fate?
Questa domanda è un mantra per me, che frullo idee dalla mattina alla sera, che mi sveglio con un progetto e mi addormento con la versione modificata e truccata dello stesso.
Perché ci vuole passione per quello che si fa, 
sempre, 
nonostante fuori piova,
nonostante qualcuno che conosci, appena incontra il tuo sguardo si gira dall'altra parte,
nonostante il tè che ho appena bevuto aveva il gusto di cannella quasi fosse Natale.
Quello che voglio dire è che non ci si deve fermare al primo intoppo, e io, lo ricordo per chi non lo sapesse, ho un'autostima che rasenta il sottosuolo.
Ma ci provo.
Provo a capire, e non è detto che sempre ci riesca,
provo a mettermi in gioco, grazie ad incitamenti vari in giro per casa che vanno da un seienne ad uno con qualche anno in più...e qui si dovrebbe aprire un altro capitolo.
Provo a convincermi che i miei articoli sparsi nel web vengono letti, anche se il convincimento è un click mentale...è il riscontro che conta.
E' la mail di ringraziamento, 
il messaggio carino
il "voglio andare anch'io lì",
il..."no, ma tu sei Crinviaggio?"... Si a volte ho anch'io il mio mezzo secondo di notorietà, positivo o negativo che sia non importa vero?
Importa invece e lo si legge in faccia alla persona che te lo dice.
Tanto basta che si parli di me.
No non funziona così. 
Non deve essere così.
E' difficile parlare di se stessi, perché io ho una visione diversa da quella che avete voi che manco mi conoscete, o conoscete quello che volete o vi è rimasto impresso.

Vedo cose che voi umani...
Vedo corse all'oro per accaparrasi un like in più, vedo sgomitate tipo prese del bouquet della sposa, per avere un contatto. 
Vedo poca passione in questo.
Vedo che quello che conta è arrivare primi, senza passare dal via, senza conoscenze, con congiuntivi obliqui (ndr).
L'importante è arrivare?
Ma dove? Boh.
Mia mamma ancora non sa che cos'è un blogger, mia sorella mi prende ancora in giro.
Io lo so?...Insomma ci provo.
Mi piace viaggiare. No troppo riduttivo. 
Adoro viaggiare, amo scrivere, questo fa di me una blogger? 
Anche, ma non basta, si deve lavorare ogni giorno, e non sempre il lavoro è pagato. Ma io sono felice, ci sono soddisfazioni che vanno oltre un pagamento, ci sono passioni che non chiedono elemosina.
E sul viaggio ci sarebbe da scrivere un poema, ma vi risparmio.
Mi soffermo un attimo sui blog tour.
Non sono viaggi. Non sono vacanze.
Sono esperienze, sono scoperte di luoghi nuovi, condivisione.
Ne ho fatti e ne farò.
Ma un blogger non lo si definisce un viaggiatore perché partecipa a questi tour. Invece, purtroppo, mi accorgo che per molti blogger questo è l'importante, che molti ne vanno a caccia.
Ma l'emozione di sognare, programmare, progettare un viaggio di quelli veri dove la mettiamo? La ricerca del volo al costo più basso, gli itinerari da scoprire, e poi la cosa più bella, che si trova nello stomaco e ci fa sentire le farfalle come quando si è innamorati: la passione per viaggiare.
Siete veramente sicuri che il vostro viaggiare sia questo? O vi state perdendo qualcosa?
Magari vi perdete dietro a polemiche e a chiacchere inutili, purtroppo se ne sono sprecate ovunque.
Ma il tempo, il vostro tempo lo volete veramente sprecare così?
Io no, io ho di meglio da fare! 
Ho imparato che l'ignoranza che a volte regna sovrana, si combatte ignorando, che un sorriso genera un altro sorriso, che le persone di cui fidarsi sono poche, ma sono le più belle e care al mondo. 
Nel Tai Chi come nella vita..le tensioni si combattono con un sorriso!





14 commenti:

  1. La passione muove tutte le cose!
    Chissene della corsa all'oro se non hai passione? Se non c'è il castello si sgonfierà presto.
    Ma tu la passione ce l'hai ...si legge e si vede (dal vivo proprio tanto!!)
    Grazie per la riflessione che mi hai proposto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Paola!..purtroppo vedo che molte cose vengono fatte con fini che ignoro, e allora mi domando, che senso ha?

      Elimina
  2. Anche io amo scrivere, amo i blog e amo viaggiare. Credo di concordare pienamente con quanto dici.
    Si vive davvero la propria vita quando ci si lascia trasportare delle passioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie del tuo commento. Sono contenta del tuo pensiero, che purtroppo vedo sfumare in molte altre persone! :)

      Elimina
  3. Bellissimo post. Io ho un piccolo blog personale che non voglio far diventare lavoro. Semplicemente ho voglia di scrivere (perché adoro farlo da sempre, da quando scrivevo il mio diario) e mi piace condividere i miei viaggi e altri pensieri.
    Leggo e seguo molti travel blogger - perché il viaggio è per me come l'aria, mi serve per vivere - e cerco di sceglierli (scegliervi) proprio in base a quello che dici, persone che viaggiano perché quella è la loro vera passione, al di la di guadagni (che è giusto ci siano visto che è il lavoro), delle sponsorizzazioni e dei vari blog tour.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, grazie! Hai scritto una cosa che condivido, soprattutto perchè abbiamo la facoltà di scegliere chi leggere. E poi diciamolo, lo si capisce subito chi scrive senza passione ;)!
      Continua a viaggiare e a scrivere...
      Grazie ancora!

      Elimina
  4. Ci vuole tanta passione, davvero tanta; ma a volte forse non basta. Ci sono dinamiche che anche io non approvo e non fanno parte di me ma a lungo andare secondo me finiscono male. Quindi meglio essere sinceramente e genuinamente appassionati a ciò che si fa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina! Hai ragione, a volte non basta, ci sono certe cose chiamate -bastoni tra le ruote- o -invidia- , ma abbiamo il potere di ignorarle e di andare avanti per la nostra strada e i nostri progetti. Non sempre è facile, ma basta non perdere di vista l'obiettivo !
      Grazie di essere passata :)!

      Elimina
  5. Posso solo dirti che incontrandoti taspare la tua passione. Poi questa basta? Non lo so! Però se non ce l'hai non sei in grado di andare avanti, anche se all'apparenza stai camminando, perché alla prima caduta non ti rialzi! E le cadute purtroppo capitano...
    Ti mando un sorriso! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca! Hai ragione a volte non basta, ma se c'è, ti spinge ad andare avanti nonostante gli intoppi e le cadute. Ce ne sono state e ce ne saranno, ma sono una prova e come tale si cerca di superarla! Grazie e un abbraccio a te!

      Elimina
  6. Cri grazie per questa bella riflessione..
    Purtroppo tante persone parlano di passioni quando poi sono proprio queste che vengono meno.
    Sono comportamenti o modi di pensare incomprensibili per chi certe cose "le sente dentro" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Marika! E' vero...incomprensibili purtroppo...

      Elimina
  7. Grazie Cri per questi bei pensieri. Gli ostacoli fanno parte del viaggio, ci fanno cambiare, riflettere e trovare le nostre vere passioni. Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, la passione è quanto di meglio sappiamo fare noi esseri umani diceva qualcuno...
      Un abbraccio!

      Elimina

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.