ROMA, QUALCHE CURIOSITÀ DA SCOPRIRE




 Roma nun fà la stupida stasera
damme 'na mano a faje di de si.
Sceji tutte le stelle
più brillarelle che poi
e un friccico de luna tutta pe' noi.


Di canzoni su Roma ce ne sono tantissime, tutte canticchiabili, tutte belle, tutte che ti rimandano ad un'atmosfera che solo la capitale riesce a dare.

Venditti ...
Quanto sei bella Roma quann'è sera,
quando la luna se specchia dentro ar fontanone...


Eh lo so che state cantando il motivetto, ma questa la conoscete? Di Luca Barbarossa!

Roma venduta per due soldi a una vecchia americana
Roma nascosta sotto il fumo nero dei nostri cannoni
Roma incantata lasciami suonare una serenata

Una padovana cresciuta con le canzoni su Roma...fa un po' strano eh?
A Roma ci sono stata un po' di volte, meravigliandomi sempre per qualcosa di nuovo, curiosando dove non ero stata la volta precedente, amandola come lei sa farsi amare.
La prima volta, ero giovanissima e ancora inesperta di viaggi, ho pernottato in un hotel a due passi dalla stazione Termini, che vabbè, sorvoliamo.
La seconda e la terza volta ci sono andata per gli internazionali di Tennis, e la quarta ci ho portato mio figlio per fargli un assaggioun assaggio (purtroppo i giorni erano pochi) della città eterna.
Sempre in treno, sempre felice di arrivare, con il mondo che scorre fuori da un finestrino.

Come si racconta una città come Roma?
Per me è una grande responsabilità: quali le cose che meritano più di altre, per non fare un articolo lungo da qui a domenica.
Mi sono imbattuta online su un articolo del magazine di Expedia Discover che parla di Roma segreta e mi ha affascinato non poco, così ho pensato di parlarvi dal mio punto di vista di una Roma curiosa!

SAMPIETRINI
I Sampietrini sono la tipica pavimentazione romana, amata perché molto bella, odiata perché con i tacchi non è proprio comoda, hanno una storia che parte nel 500. Furono inventati per facilitare il passaggio delle carrozze per le vie della città: piccoli cubi di pietra basaltica. Il nome sampietrino (detto anche selcio) deriva dal luogo in cui è stato utilizzato per la prima volta, cioè Piazza San Pietro.
Visto la scomodità avevano proposto di sostituirli con l'asfalto pensando di creare anche un business che prevedeva la vendita delle pietre ai turisti. Ovviamente i venditori abusivi avevano cominciato questa attività di frodo... non sapendo però che alcuni di quei sampietrini erano di nazionalità cinese usati per rifare il manto stradale che con gli anni era stato sostituito.


L'ISOLA TIBERINA
Ad un certo punto il Tevere, mentre scorre lungo Roma, disegna una doppia ansa che nella parte più bassa, di quel tratto, forma un'isola lunga circa 300 m e larga 90 ed ha la forma di una barca, e proprio da qui nasce la leggenda...
Pare che quando l'ultimo Re di Roma, Lucio Tarquinio Superbo, nel 509 A.C. fu scacciato, il popolo di Roma avesse gettato sul fiume il suo deposito di grano, ma era talmente tanto che formo l'attuale isola Tiberina!

BUCO DELLA SERRATURA AL COLLE AVENTINO
Questo lo conoscete in molti no? Imperdibile per chi ama spiare dal buco di una serratura o per chi è solamente curioso di vedere Roma da una insolita prospettiva. Per guardare attraverso questo curioso buco, si deve salire fin sopra al Colle Aventino, però prima di dirigervi al portone passate per il giardino degli aranci, un luogo che io amo particolarmente, ma penso di non essere l'unica a nutrire questo sentimento!
Il Famoso buco della serratura è proprietà del priorato dei Cavalieri di Malta. Il portone fa parte della villa che da sulla piazza dei priorati di Malta; da lì potrete chiudere un occhio e con l'altro osservare la cupola di San Pietro in fondo al viale del giardino della villa.

ILLUSIONE NELLA CUPOLA DI SAN PIETRO
Di nuovo San Pietro... Per vedere una bellissima illusione ottica, che sembra quasi magia, dovete recarvi in via Niccolò Piccolomini (si raggiunge da Villa Pamphili). Una volta lì camminate verso la cupola, vi sembrerà che più vi avvicinate a San Pietro più la cupola si allontana, viceversa se vi allontanate, la cupola di ingrandisce.
Uno splendido effetto ottico ottenuto da più elementi, quali la disposizione degli edifici, dalla larghezza della strada e dal punto di osservazione.
Troppo bello!



FONTANELLA CHE DAVA AMORE ETERNO
A due passi dalla famosa, nonché stupenda, Fontana di Trevi si trova una piccola fontanella, chiamata Fontanella degli innamorati. La leggenda racconta che le fanciulle romane, prima che i loro baldi giovani partissero per fare i soldati, andassero a bere l'acqua di Trevi per fare in modo che i loro uomini tornassero da loro. Il rito consisteva nel bere l'acqua da bicchieri di vetro portati da casa che poi rompevano per suggellare il loro amore per sempre... e i due getti d'acqua che si incrociano prima di cadere nella fontana, costruita da Nicola Salvi, fanno proprio pensare all'amore eterno! 

Ce ne sono molte altre curiosità, che spero di raccontarvi presto, magari direttamente da Roma! Se ne conoscete, scrivetele nei commenti qui sotto, perché non so se lo sapete... ma io sono curiosa!



Articolo in collaborazione con Expedia


Nessun commento

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.