LE ISOLE DI LUSSINO E CRES di Simone




Chi meglio di Simone conosce la Croazia.
Per anni luogo e rifugio per vacanze immerse nella natura.
E qui ce la racconta...

Le isole di Lussino (Losinj) e Cherso (Cres).

Siamo nella neocomunitaria Croazia, nel Quarnaro, in due isole collegate tra loro da un minuscolo ponte, girevole: due sorelle così vicine e così diverse tra loro.
Attorniate dal mare, padre vigoroso e generoso, la madre terra emerge rigogliosa di vegetazione e profumi nella sinuosa Lussino, e brulla e aspra nella più interna Cres: queste due isole sono un crocevia di venti che dirigono il bello ed il cattivo tempo.



L’isola di Lussino è stata meta dei Principi Asburgici ed a loro si devono le numerose piante di pino marittimo ed i sentieri tracciaci; nel corso del settecento/ottocento era il principale centro di addestramento di capitani di velieri.
Nelle due isole vi sono diversi campeggi ben attrezzati (i maggiori ad Ossoro, Nerezine e Punta Kriza, quest’ultimo solo naturista) ed una diffusa offerta di appartamenti a prezzi non altissimi, specie fuori dal Lussin Piccolo e Cres, raggiungibili con il “passaparola” o attingendo alla buona mediazione delle agenzie turistiche: anche qui vi sono le categorie ed è bene incappare nei migliori. Nel mio caso ho alloggiato a Nerezine, un punto strategico per girare entrambe le isole.
Certo che l’ottimale sarebbe avere un gommone, una barca, od un semplice “guscio”, ma anche con l’auto ed il trekking sono raggiungibili bellissime spiagge.
Per chi ama camminare, Lussino e Cres offrono una moltitudine di sentieri che sono segnati in gratuite cartine richiedibili in ogni agenzia turistica dell’isola.
Al mio arrivo, in una giornata nuvolosa, mi sono subito addentrato nei boschi del Monte Televrina, affrontando quasi 600 metri di dislivello, per ammirare dall’alto le due isole e scorgere in lontananza anche la “mia” Italia. 



Tra le varie spiagge che segnalo, innanzi tutto merita quella di Lubenice. Situata nell'isola di Cherso, la cittadina è raggiungibile in auto per vie strette ma asfaltate (intravvedendo anche il Grifone di Cres),




ed è abitata solo da una decina di persone: era un monastero nei secoli passati, pur essendo un insediamento risalente a circa 4 mila anni fa. Abbarbicata sulla roccia si affaccia su una baia raggiungibile a piedi (la risalita poi è stata faticosa) con circa 400 metri di dislivello con alcuni punti piuttosto impegnativi: la conquista è stata però notevole. 





Nell’isola di Lussino le spiagge più belle sono quelle accessibili solo a piedi o con mezzi adatti (jeep).
Si menzionano quelle di Zabodarski, con un po’ di sabbia,



quella di Tizna,


 quella di Kurila 


 e Liska Slatina, una vera meraviglia con erica selvatica e poseidonie nel mare (a volte anche qualche medusa).


Tutte queste spiagge sono nella penisola di Artatore, vicine al piccolo aeroporto dell’isola.



 A Lussin Grande piccola cittadina meravigliosa, si parte per una bella passeggiata che porta ad alcune spiagge deliziose: Javorna


 Kriska.


Sempre nell'isola di Lussino una spiaggia molto bella, utilizzata quasi esclusivamente dai locali, si trova a Cunski: anche qui con una piccola passeggiata si arriva alla spiaggia di Za Osirom: un mare incantevole e pesci coloratissimi.


Nelle due settimane di permanenza ho toccato anche le isole di Ilovik e di Susak.
La prima è raggiungibile con un ferry boat da Mrtvaska (orari reperibili in loco) con 5 euro e 15 minuti di traversata. Attraversando la piccola isola (20 minuti a piedi) si raggiunge la spiaggia caraibica (sabbiosa) di Parzine.



Per Susak (Sansego) invece è preferibile una barca di escursione che parte la mattina e torna alla sera a Lussin Piccolo, nel mio caso la Davin, che in 45 minuti ti porta nell'isola e comprende anche la guida per la cittadina molto caratteristica, un tempo Monastero Benedettino.



Anche qui si trova una spiaggia caraibica, sabbiosa, Bok.



Entrambe, in agosto, infestate di barche.
Vi sono numerose altre baie nelle due isole, ed elencarle sarebbe impossibile.


Quello che rimane impresso sono i meravigliosi tramonti,





 il mare incantevole 






ed i profumi meravigliosi (in agosto timo e liquirizia selvatici su tutti).


Per qualsiasi altra informazione chiedete a Simone. Lo trovate su catturaattimi.it  

9 commenti:

  1. wow che foto bellissime! ammetto che ho sempre un po' snobbato la croazia ma devo dire ingiustamente. mi sono reso conto che ci sono ancora posti ancora non toccati dal turismo e sembra proprio il caso dell'isola di cres. magari ci faccio un pensierino per la prox estate :)) ciao Andrea

    RispondiElimina
  2. ciao Andrea,
    io sponsorizzo meglio Lussino. Se hai bisogno di "dritte" tecniche, non esitare a contattarmi.

    grazie per i complimenti alle foto :)

    Simone

    RispondiElimina
  3. Se Simone ci fa sognare di nuovo così... LO AMMAZZO! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela, non succederà più, lo prometto :)

      Elimina
  4. Ciao Simone, bellissime le tue descrizioni...!che spiagge ci consiglieresti di raggiungere camminando "abbastanza facile" con un bambino di 5 anni? Grazie, Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Francesca, grazie! la premessa è che le più belle spiagge sono le più difficoltose da raggiungere via terra (mentre in barca....). Le spiagge della parte di Artatore (dove c'è l'aeroporto) sono abbastanza "facili", se l'auto sopporta lo sterrato ti puoi avvicinare davvero molto (e con 15 minuti a piedi in piano raggiungi le spiagge sassose -ti consiglio Liska slatina-). E' fattibile anche quella di Ilovik, la traversata a piedi dell'isola la si fa in 20 minuti a passo tranquillo senza difficoltà eccessiva (oppure prendi un taxi via mare che ti porta li) e trovi una bellissima spiaggia di sabbia in cui si tocca anche dopo diversi metri. Le spiagge di Lussin Grande sono tutte vicine e a portata di mano. Da evitare Lubenice, mentre Susak hai solo la difficoltà che devi "subire" gli orari del traghetto: la spiaggia di sabbia è a pochi minuti dal porto. anche Cunski è abbastanza semplice ma c'è un buon dislivello (pur se breve) al ritorno (e devi esser brava ad individuare il sentiero, visto che è una spiaggia per i locali. Se hai bisogno chiedi pure! ciao Simone

      Elimina
  5. Ciao Simone! Innanzitutto complimenti per i magnifici scatti! Ti chiedo qualche consiglio. Vorrei andare a Lussino il secondo we di Settembre (con traghetto da Pesaro). Dato il poco tempo a disposizione pensavamo di fare una giornata a Lussino ed una a Cres. Dici che si riesce a noleggiare una barca per fare un pò delle spiaggie più belle? Cosa mi consigli tu?

    RispondiElimina
  6. Ciao Simone! Innanzitutto complimenti per i bellissimi scatti! Io avevo intenzione di andare a Lussino (tramite traghetto) il secondo we di settembre. Dato il reve tempo a disposizione pensavamo di fare un giorno a Lussino ed uno a Cres. Da quello che hai visto si possono noleggiare barche a spese moderate? Altrimenti qualche suggerimento per una visita così toccata e fuga??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia! Due giorni sono pochi per le due isole. Anche se non hai la patente nautica puoi noleggiare delle barchette ma non ho idea dei prezzi. La cosa migliore forse si sarebbe girarla via barca. Prova semmai a prendere info a cres paese (che trovi per primo quando arrivi vis traghetto) o a lussin piccolo dove forse è più facile trovare barche a noleggio (forse anche via web c'è qualche info) a settembre c'è decisamente meno gente e le due isole sono splendide. Per la toccata e fuga dipende se hai preferenze per i paesini o per le spiagge... Direi per i paesini lubenice senza dubbio e lussin grande (che è la lusino più piccola) mentre per le spiagge... C'è solo l'imbarazzo della scelta! Buon viaggio!!

      Elimina

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.