PIAZZA NAVONA E DINTORNI, 4 LUOGHI DA NON PERDERE



 

Ogni scusa è buona per fare un viaggio.
L'anniversario, un ponte lungo, un fine settimana libero, le vacanze, un compleanno.
"Colleziona momenti non cose".

Io la prendo in parola questa frase, e se posso il giorno del mio compleanno lo voglio passare in giro da qualche parte, alla scoperta di un nuovo luogo o ritornare in uno già visitato per guardarlo con occhi nuovi a distanza di tempo.
Così a settembre dell'anno scorso mi sono regalata un week end lungo a Roma.

Non era la mia prima volta, ma Roma vale sempre una visita, per corta che sia. Mi piaceva l'idea di ritornarci con il mio bimbo, anche se bimbo non lo è più...

Ho passato delle giornate splendide in città, con il sole accanto a ripercorrere storia e fascino, ma... mentirei dicendo che è stato tutto bellissimo, perché in realtà dall'ultima volta che ci ero stata mi è sembrata cambiata, caotica, inavvicinabile in alcuni punti.

Ma si cerca sempre di vedere il lato bello delle cose, così da far passare qualche piccolo inconveniente in secondo piano. Mi sono presa del tempo per scoprire la città lentamente, senza fretta.

Avevo l'appartamento a due passi da Piazza Navona ed è stato un ottimo punto di partenza per visitare i dintorni, per esempio...

Piazza Navona (la mattina presto).
Chi dorme non piglia pesci... e io non ne piglierei nessuno, ma a volte alzarsi presto la mattina ha il suo perché. Piazza Navona inevitabilmente è sempre affollata, tranne nelle prime ore del giorno, quando il sole appena sorto le dona una luce magnifica e fare una passeggiata diventa qualcosa di unico e per pochi eletti!
Una delle piazze più belle, costruita sopra il vecchio stadio di Domiziano, del quale ha conservato la forma rettangolare.
La fontana più bella? Per me quella dei quattro fiumi dove il Bernini scolpì le quattro statue che rappresentano il Nilo, il Danubio, il Gange e il Rio de la Plata. Il Bernini era nemico del Borromini, e leggenda (o verità?) narra che la statua del Danubio scolpita di fronte alla chiesa dei Sant'Agnese, opera del Borromini, abbia la mano alzata per proteggersi dal pericolo di crollo imminente... che burloni!




Lo stadio di Domiziano
I resti dello stadio di Domiziano si trovano sotto Piazza Navona, più o meno a quattro metri e mezzo sotto il manto stradale. L'area archeologica è visitabile ed è quanto resta dell'unico stadio in muratura fino ad ora conosciuto. Grazie ad una audioguida, disponibile anche in versione per bambini, viene illustrata la storia dello sport e delle pratiche sportive dall'antica Grecia alla Roma Imperiale, soffermandosi sulla storia dello stadio e della Piazza. Nello stadio si disputava la più importante delle competizioni, la corsa. Infatti aveva una forma circense cioè due lati lunghi paralleli, uno breve curvilineo e l'altro leggermente obliquo. Le gradinate per il pubblico erano divise in settori sovrapposti e potevano ospitare fino a trentamila persone.

Sant'Ivo alla Sapienza
La cupola di Sant'Ivo alla Sapienza è un capolavoro del Borromini, semplicemente bella, perfetta senza dover ricorrere a trovare altri aggettivi per definirla.
La chiesa si trova all'interno dell'omonimo palazzo nonché la più antica università romana, ed è incastonata nel cortile dove lo stile barocco padroneggia e incolla il visitatore. Dopo essere stati a testa in su all'interno, fatelo anche in esterno, la lanterna che completa la cupola è qualcosa di unico!



San Luigi dei Francesi
Tra Piazza Navona ed il Pantheon si trova questa piccola chiesa, splendore dell'arte Barocca e casa di tre capolavori del Caravaggio.
La chiesa fu costruita nel 1518 per ospitare la sempre più grande comunità di Francesi che si stava creando a Roma. Ospita sculture di illustri personaggi della Francia tra i quali quella di Carlo Magno, ma se mi permettete per me la vera bellezza sta nelle opere del grande Maestro Caravaggio all'interno della Cappella Contarelli: il trittico composto da il Martirio di San Matteo, La Vocazione di San Matteo e San Matteo e l'Angelo.
Chi mi legge abitualmente sa che non impazzisco per le chiese, ma se queste racchiudono opere d'arte di un certo livello, per me sono tappe imperdibili. 


Foto credit arteworld.it 

Come raggiungere Roma? Il mezzo più comodo per raggiungere la capitale per me è il treno ad Alta Velocità: c’è la certezza di sedersi (contrariamente ad altre tipologie di treno), ci sono prese di corrente e wi-fi per lavorare o svagarsi, c’è la possibilità di acquistare snack, si arriva direttamente in centro città. Mi capita spesso di viaggiare Italo ed i suoi treni Milano Roma (e viceversa) perché in meno di tre ore raggiungo la meta in comodità, pronta a partire alla scoperta della città!


Si ringrazia Italo per la collaborazione





Nessun commento

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.