PARK HOTEL SOLE PARADISO A SAN CANDIDO, UNA FAVOLA IN VAL PUSTERIA




Il Park hotel Sole Paradiso è una favola.

Si trova appena fuori da San Candido, lungo la strada che porta a Sesto.
In questo periodo tutto è coperto da un manto di neve, e per me che abito in pianura, avvolta dalla nebbia, questo è un paesaggio che mi emoziona sempre.
Ma credo che questa volta abbia emozionato di più mio figlio, bramoso di neve come lo può essere una lucertola in cerca del sole.
Lungo la strada abbiamo dovuto fermarci prima di arrivare a destinazione perché non stava più nella pelle.
La sua emozione mi ha riportato ad essere nuovamente un po' bambina.



Il Park hotel Sole Paradiso lo scorgi subito; è una struttura in legno che fa subito pensare ad un palazzo antico ed elegante: i suoi colori si stagliano nella bianca neve e la magia prende inizio.
L’hotel vanta sulle sue spalle ben 135 anni di età. Chiamato anche albergo del “Buonritorno”, ed è facile intuirne il motivo, mantiene viva la tradizione del passato anche nel presente.
Nato come maso agricolo, il proprietario Franz Ortner nel 1882 aveva visto il potenziale sviluppo turistico della valle e decise così di trasformarlo in albergo.
La lungimiranza non è mai troppa!
E qui stiamo parlando della fine ottocento, di un periodo storico lontano da noi ma in cui il turismo già esisteva, tanto che l’Hotel era conosciuto anche fuori dall’Italia ed era considerato un punto di riferimento per i viaggiatori che arrivavano in Val Pusteria.
Con il tempo l’hotel ha mantenuto la sua fama e nomi illustri vi hanno soggiornato, come Alcide De Gasperi, Susanna Agnelli e molti altri amanti della montagna e dell’atmosfera tirolese racchiusa nell’hotel.




Le stanze sono arredate con i mobili originali, e questo dona alla struttura, se possibile, un’aria ancora più elegante.
La colazione con vista sulle montagne porta i sapori e il calore dei luoghi. Miele e marmellate fatte in casa, yogurt, pane, torte e focacce da accompagnare con un infuso montano da tenere tra le mani mentre fuori la neve brilla ai primi raggi del sole che filtrano dalle montagne. Un’attenzione particolare è dedicata a chi soffre di intolleranze alimentari.



La cena è un’esperienza sensoriale. Non sono brava a descrivere i piatti e il loro gusto, ma sono brava a mangiarmeli in ogni forma.
Zuppe calde “scaldaspirito” e primi di carne abbinati a secondi di pesce con una piacevole maestria hanno fatto risvegliare le mie papille gustative.
Per non parlare dei dolci, le mille foglie 
alla crema con i frutti di bosco o il gelato al sambuco; mi hanno colpita nel profondo.








Altra cosa che ho amato è stata la zona relax in piscina e sauna: dopo una giornata in montagna è un momento che fa bene dedicarsi, tramite una nuotata in piscina con vista sulla neve e una sauna per coccolare corpo e spirito.
Poi sarebbe utile uscire nudi sulla neve ma in alternativa può andare bene anche la piscina con acqua fredda!

Davanti all’hotel passa una pista di sci da fondo e dietro un sentiero che in pochi minuti porta in centro di San Candido…ma di questo e altre cose ve ne parlerò nel prossimo articolo!

Nessun commento

Ti piace viaggiare? Lascia un commento e mi farai felice!

Powered by Blogger.